Città e migliori quartieri per acquistare un immobile a reddito

Acquistare un immobile a reddito: dove investire per guadagnare di più

L’investimento immobiliare e le priorità da considerare

La scelta di puntare sul mattone, si sa, è da sempre una delle più gettonate. Prima di lanciarsi in un acquisto, però, è necessario analizzare vari aspetti. Si può decidere infatti di comprare una prima casa, destinandola ad abitazione principale per la propria famiglia, ma si può anche pensare di destinarla all’affitto, breve o lungo che sia, ammortizzando così la spesa in qualche anno. Chi decide di acquistare un immobile per metterlo a reddito dovrà dunque valutare bene la zona specifica di interesse, in modo da effettuare un investimento mirato e da ottenere il massimo dal suo acquisto.

Affitto turistico o a lungo termine: pro e contro

Se l’idea di acquistare immobili può essere per molti allettante, è in ogni caso da considerare che deve trattarsi di un investimento mirato. L’affitto permette di rientrare in parte o in toto nelle spese d’acquisto, ma si tratta di scegliere anche su che tipo di affitto puntare esattamente. Se si sceglie la strada dell’affitto breve, l’impegno richiesto sarà sicuramente maggiore, perché la presenza costante del proprietario è necessaria n questo caso. Se invece si opta per un affitto a lungo termine, i guadagni saranno inferiori, ma al tempo stesso anche l’impegno richiesto sarà molto più ridotto.

Milano: un’opportunità interessante per investire nel settore immobiliare

Milano è la città del momento: moderna, smart e sempre in movimento, è diventata infatti il punto focale non solo del Nord Italia, ma anche di tutta la penisola. Qui hanno sede tante imprese, e anche il turismo è in crescita, registrando un incremento importante rispetto ai decenni scorsi. Investire nel capoluogo lombardo diventa quindi un’ottima scelta, soprattutto per chi può contare su cifre iniziali importanti. Da privilegiare il centro, anche se i nuovi quartieri periferici, con costruzioni ad alta efficienza energetica e mezzi pubblici comodi, rappresentano una soluzione più economica ma comunque interessante.

Un investimento immobiliare nella capitale: perché no?

Anche Roma sta vivendo un buon momento dal punto di vista del valore degli immobili: per tutto il 2019 è stata infatti caratterizzata da un trend positivo in questo senso, destinato a durare anche nel 2020. La scelta di un quartiere specifico può cambiare molto nella redditività dell’immobile, quindi è meglio valutare al meglio prima di procedere con l’acquisto.

Dove comprare un immobile a Roma: i quartieri più interessanti

Tra i migliori quartieri per acquistare casa a reddito, spicca sicuramente Cinecittà, che ha avuto un boom di richieste grazie ai prezzi decisamente competitivi. In questo caso probabilmente la scelta di mettere a reddito dovrà dirigersi soprattutto verso il lungo termine, essendo una zona molto richiesta dai residenti. Registrano poi un certo interesse anche i quartieri Trieste – Africano, sia grazie ad un generale miglioramento dei servizi, metropolitana compresa, sia grazie alla vicinanza all’università. Anche l’EUR e la zona del Ghetto Ebraico stanno attraversando un ottimo momento dal punto di vista del valore immobiliare: il primo principalmente per una massiccia opera di riqualificazione che l’ha visto coinvolto negli ultimi anni, il secondo invece per la posizione centrale. Ed è proprio sulla zona del Ghetto che dovrebbe puntare chi vuole affittare a breve termine, proprio per la garanzia di trovare un’ottima fonte di reddito a carattere turistico.

Venezia: una scelta sempre attuale

L’investimento immobiliare di case da mettere a reddito è da sempre molto attivo a Venezia, oggetto di attenzione da questo punto di vista non solo per gli italiani, ma anche per investitori provenienti da tutto il mondo. La città veneta, capoluogo di regione, è famosa in tutto il mondo per il suo Carnevale, ma è anche una delle mete più desiderate dai turisti. Per questo qui l’investimento per affitti a breve termine diventa una scelta vincente, considerando anche l’alto ritorno che se ne ricava. Venezia rimane quindi tra le migliori città dove acquistare, e i quartieri più interessanti sono quelli di San Marco e di Cannaregio, storici e bellissimi.

Firenze: tutto il fascino della Toscana

Firenze si classifica tra le prime cinque città italiane per numero di visitatori, grazie soprattutto alla presenza degli Uffizi, che attirano visitatori da ogni parte del mondo. Ecco quindi che investire nella città toscana diventa un ottimo affare soprattutto per gli affitti brevi. Da preferire la zona del centro storico, più gettonata e a maggiore redditività; se invece si vuole investire per poi affittare a lungo termine, anche i quartieri più periferici diventano interessanti, soprattutto quelli ben serviti dai mezzi pubblici, come Novoli, Careggi, Isolotto e Campo di Marte.

Verona: un must per gli investimenti immobiliari

Verona sta diventando sempre più richiesta per chi vuole investire in questo ambito. Grazie alle tantissime attrattive offerte e alla posizione strategica, è una delle mete più interessanti per i turisti, ma è anche città universitaria, e questo la rende ancora più ricca di valore e di possibilità. A seconda del tipo di investimento che si vuole fare, saranno da preferire zone più centrali o periferiche; in particolare, per chi cercasse un immobile da destinare all’affitto a breve termine, diventa un’ottima idea quella di concentrarsi sul centro storico, in gran parte pedonale e ben servito dai mezzi pubblici. Se invece si volesse puntare sulla zona universitaria, in questo caso è da considerare che i prezzi sono decisamente più bassi, e che la rendita viene comunque garantita. Interessanti in questo senso i quartieri di Veronetta, Borgo Roma e Cadidavid.

Che tipo di immobile acquistare

La scelta della migliore tipologia di immobile non è scontata, e dev’essere anzi attentamente studiata. Sicuramente i più richiesti sono bilocali e trilocali, che garantiscono un’ottima rendita in ogni caso; anche i monolocali diventano però un’opzione da non sottovalutare per chi dispone di un budget ridotto, ma vuole comunque effettuare un investimento di questo tipo. Avendo una cifra importante a disposizione, è comunque consigliabile preferire il trilocale, perché più versatile e più richiesto rispetto alle altre tipologie di immobili.