In quale regione conviene acquistare un immobile?

Sono in crescita gli investimenti nel mercato immobiliare del Bel Paese. Quali sono le regioni italiane sulle quali puntare per fare ottimi affari?

In Italia il trend degli ultimi anni ha riportato alla ribalta il mercato immobiliare. Dopo più di un lustro in cui i prezzi erano in caduta, quasi libera, oggi pare che il valore al metro quadrato, almeno nelle grandi città, si sia stabilizzato, offrendo la possibilità di acquistare ancora immobili a prezzi convenienti ed allo stesso tempo di ottenere guadagni in salita.

Tutto ciò ha attratto un elevato numero di investitori, sia imprenditori che privati, che hanno visto nell’acquisto di una casa in Italia l’opportunità di creare una rendita per il futuro.

Per investire sul mattone in modo oculato e performante è necessario prendere in considerazione non solo un’accurata pianificazione finanziaria, ma soprattutto un’attenta analisi del mercato immobiliare.

Tra i fattori più importanti da non sottovalutare, proprio per evitare di fare investimenti sbagliati, c’è il luogo dove investire. Cerchiamo dunque di capire in quale regione comprare casa in Italia analizzando anche le migliori e le peggiori province e le città top.

  • Il podio delle regioni più care: la Liguria e il suo litorale “d’oro”;
  • Calabria: ecco la regione più affordable di Italia;
  • Comprare casa: la classica delle province;
  • Dove comprare casa in Italia: la classifica delle migliori 8 città dove investire.

Il podio delle regioni più care: la Liguria e il suo litorale “d’oro”

Sul gradino più alto del podio che “premia” le regioni più costose del nostro Paese per acquistare casa, la Liguria vince su tutte a mani basse. Per essere più precisi, i dati indicano che per comprare un immobile privatamente il costo al metro quadrato è di circa 2.781 euro. Ovviamente si tratta di una media che tiene conto di tutto il territorio regionale. Bisogna considerare che le zone molto turistiche, come le Cinque Terre e Portofino nonché il capoluogo Genova, offrono dei grandi picchi contrapposti alle zone rurali dell’entroterra.

Al secondo posto si posiziona il Lazio, dove il prezzo medio di vendita al metro quadrato tocca i 2.632 euro. Anche qui la media sembra moto alta ma è necessario specificare che tale quota è dovuta soprattutto ai prezzi delle case situati nella Capitale. Oltre ai quartieri della zona Centro, anche le zone limitrofe propongono prezzi molti elevati sia per gli edifici storici che per le nuove costruzioni. I prezzi nelle zone periferiche scendono un po’ ma rapportate ad altre città italiane restano comunque molto cari.

Al terzo posto c’è la Valle d’ Aosta, una piccola regione che però annovera località turistiche come Courmayer, apprezzate e ambite anche dagli stranieri. Il prezzo medio al metro quadrato richiesto in questa regione nell’anno 2019 era di circa 2.561 euro. Le prime stime del 2020 parlano già di un aumento.

Calabria: ecco la regione più affordable di Italia

Il fondo della classifica delle regioni più costose per acquistare casa in Italia è occupato dalla regione Calabria. Per rendere più chiaro l’argomento creiamo un podio indicando quali sono le regioni più affordable del nostro Paese.

Al primo posto abbiamo dunque la Calabria, con un prezzo medio di 954 euro al metro quadrato. Ovviamente anche in questo caso i costi aumentano nella zona del capoluogo e nelle città più grandi come Campobasso.

Al secondo posto compare il Molise, dove è possibile acquistare una casa pagando un prezzo di circa 1.075 euro al metro quadrato.

Al terzo posto troviamo un’altra città del meridione, la Basilicata. Con la pubblicità e l’ingresso dei Sassi nel patrimonio dell’Unesco, Matera  sta crescendo e di conseguenza anche il mercato immobiliare della zona. Questo potrebbe far scendere la Basilicata di qualche posto nella classifica generale.

Comprare casa: la classica delle province

L’analisi delle Province è indubbiamente più specifica e settoriale e serve per completare l’idea del luogo migliore dove investire.

La provincia più costosa conferma la classifica regionale incoronando Savona come la più expensive di Italia. Il litorale ligure può essere quindi considerato una lingua “d’oro” sia per il prezzo d’acquisto degli immobili che per il costo delle locazioni. La media del prezzo di vendita l’anno scorso era di circa 3.424 euro al metro quadrato.

3.069 al metro quadrato è il prezzo medio degli immobili locati a Bolzano mentre al terzo posto troviamo nuovamente  una provincia Ligure, Imperia. Se pensi dunque di acquistare una casa da queste parti dovrai prevedere di spendere circa 2.857 euro al metro quadrato.

Chiudono la classifica provinciale in ordine Caltanissetta, Agrigento e Biella. La presenza di due città siciliane al fondo della lista provinciale ma il posizionamento della regione Sicilia quasi a metà graduatoria regionale evidenziano come l’isola offra un’elevata  disparità di prezzi a seconda dei posti.

Sorprende invece la posizione di Biella che continua ad essere un importante nodo industriale  tessile del nostro Paese. Qui le case si acquistano spendendo circa 715 euro al metro quadrato.

Dove comprare casa in Italia: la classifica delle migliori 8 città dove investire

La classifica mostra le prime 8 città di Italia che facilitano la possibilità di fare un investimento immobiliare proficuo. I dati che si prendono in esame non si riferiscono solo al prezzo medio al metro quadrato ma alla percentuale di crescita del settore negli ultimi anni, formulando quindi l’eventuale prezzo di rivendita per ricavarne un immediato profitto economico.

  1. Napoli
  2. Verona
  3. Firenze
  4. Milano
  5. Roma
  6. Palermo
  7. Torino
  8. Gorizia

Il capoluogo Campano troneggia questa hit parade poiché gli ultimi dati hanno registrato un incremento notevole del turismo. A questo fattore bisogna aggiungere il prezzo basso che attualmente propongono alcune zone sulle quali è già stata ordinata una riqualificazione.

Benché occupi solo il settimo posto, un plauso speciale va a Torino. Città industriale da sempre e da qualche tempo polo universitario di interesse internazionale, in soli due anni ha incrementato il mercato immobiliare del 5% grazie anche alle sue attrattive turistiche e alla vicinanza con Milano. A differenza del capoluogo meneghino, Torino offre a case a prezzi abbordabili per quasi tutte le tasche.