Assicurazione sulla casa: quanto è utile?

L’assicurazione sulla casa: cos’è e a cosa serve

Perché accendere una polizza assicurativa e quando è davvero necessario farlo

Non sempre chi stipula un’assicurazione sulla casa riesce a capire chiaramente tutti le parti del contratto e spesso nutre delle perplessità sulla reale convenienza della copertura. Non si tratta di un atto obbligatorio ma di un modo per tutelarsi da danni economici che potrebbero essere molto ingenti. In questo articolo andremo ad analizzare tre tipologie assicurative:

  • l’assicurazione casa multirischio;
  • l’assicurazione imposta dal regolamento condominiale;
  • l’assicurazione mutuo casa.

Assicurazione casa multirischio

Sono ancora pochi gli italiani che assicurano la casa ma farlo permette di far fronte agli imprevisti a cui altrimenti si dovrebbe rispondere con il proprio patrimonio. All’interno dell’abitazione può sprigionarsi un incendio ma anche un allagamento, inoltre è possibile causare involontariamente dei danni ai vicini: proteggere la casa e chi vi risiede è sempre un’importante tutela. Le polizze sono di vario tipo e comprendono il furto, gli allagamenti, i danni atmosferici e quelli provocati a terzi e variano, come copertura e premio, in base alla compagnia. In linea di massima si può dire che l’assicurazione contro il furto permette di ottenere un indennizzo nel caso di una inaspettata quanto sgradevole visita dei ladri. I gioielli, così come i titoli di credito e il denaro, sono garantiti e spesso l’indennizzo consente di ricomprare quanto è stato sottratto senza rimetterci. La stessa cosa vale per le pellicce di valore: in entrambi i casi si parla di un indennizzo “a valore a nuovo”. Se invece si tratta di una polizza per incendio possono essere compresi i danni causati dai fulmini e allora si usufruisce anche di una copertura contro i danni meteorologici. L’appartamento si allaga per motivi accidentali ? Il risarcimento è assicurato ma non lo è se la responsabilità è da attribuire a chi vi abita. Al momento di sottoscrivere il contratto un consiglio che vale in ogni caso è quello di analizzare le clausole e controllare la franchigia con la quale si determina il rimborso. Al di sotto della cifra stabilita come franchigia non si ha alcun risarcimento.

Assicurazione imposta dal regolamento del condominio

Si chiama Polizza Globale Fabbricati e viene stipulata tra la compagnia assicurativa e il condominio per coperture che riguardano i danni da incendio e la responsabilità civile. Per quanto riguarda la responsabilità civile gli indennizzi sono dovuti nel caso di danni a terzi provocati in seguito ad eventi come la caduta di calcinacci o altri ancora che potrebbero danneggiare persone, auto e beni di diverso tipo. Il premio viene ripartito tra tutti i condomini in proporzione ai millesimi posseduti, come è facilmente verificabile visionando l’art. 1123 del codice civile. È bene però ricordare che è solo l’assemblea condominiale che può decidere di stipulare la polizza e non l’amministratore che invece deve essere autorizzato dai partecipanti. Il suo compito, infatti, è quello di agire in seguito alla deliberazione assembleare e di  fare la denuncia, nei tempi previsti, quando si verifica un sinistro. Quello che non tutti sanno è che l’assemblea del condominio può scegliere anche coperture aggiuntive come ad esempio: infiltrazioni, calamità naturali e sisma, danni ai pannelli fotovoltaici e solari, ricerca di guasti che hanno causato il danno e spese legali inerenti le parti comuni. Nel caso che alcuni condomini abbiano una assicurazione privata, la polizza condominiale può essere ugualmente approvata e se si verifica un danno interviene come prima copertura assicurativa mentre quella individuale entra in gioco se non viene corrisposta una parte di indennizzo. Il condomino che non ha una polizza individuale dovrà invece pagare di tasca propria se il danno è superiore alla copertura data dall’assicurazione condominiale.

Assicurazione mutuo casa

Chi accende un mutuo è tenuto obbligatoriamente a stipulare una polizza assicurativa in cui la copertura scoppio e incendio è obbligatoria. Si tratta di una garanzia richiesta dalla banca che eroga il finanziamento e che si tutela in caso di uno di questi eventi. L’obbligo deriva da una esigenza ben precisa, infatti se l’immobile venisse danneggiato e il mutuatario fosse insolvente, l’istituto di credito non potrebbe rifarsi del capitale erogato. A tale proposito la banca propone una polizza ma non si è tenuti ad accettarla, in quanto è possibile stipularne una che abbia un premio più conveniente. In questo secondo caso la banca potrà dire se la polizza individuata per scoppio e incendio soddisfa i criteri stabiliti per la concessione del finanziamento. Oltre alla polizza obbligatoria esistono anche opzioni facoltative. Infatti può essere sottoscritta anche una copertura che riguarda la capacità di rimborsare le rate se sopraggiungono perdita di lavoro, malattia o morte. In caso di decesso la compagnia versa ai soggetti beneficiari la somma che deve essere ancora rimborsata. Se invece l’evento è temporaneo l’assicurazione versa le rate per il periodo di malattia o di disoccupazione. Non si tratta di una copertura obbligatoria e, come per le altre polizze, vanno valutate le clausole di esclusione e la franchigia.

Detrazioni e sconti sulla copertura assicurativa? Solo in alcuni casi

Nella dichiarazione dei redditi la polizza assicurativa non è detraibile a meno che non si tratti di coperture nei confronti di eventi calamitosi. In questo caso le detrazioni dall’Irpef sono del 19% e questo avviene solo per i contratti a partire dal gennaio 2018 (Legge di Bilancio 2018). Al momento della stipula, però, è possibile ottenere degli sconti che sono concessi se l’immobile dispone di sistemi di sicurezza altamente tecnologici come le telecamere anti intrusione o gli allarmi collegati con la forze dell’ordine.

Conclusioni

A chi si interroga se una copertura assicurativa sulla casa sia utile, questa breve rassegna non può che rispondere in modo affermativo. Infatti avere una polizza che intervenga nel caso di perdite d’acqua, incendio, controversie con i condomini o danni a terzi garantisce una protezione da non sottovalutare. La stabilità e la sicurezza sono spesso in balia di eventi che possono creare danni molto seri: agli imprevisti gravi si può porre rimedio pagando un premio alla compagnia di assicurazione che permetterà di vivere sonni tranquilli e di tutelare cose e persone.