Perché vivere in una mansarda o attico in città?

mansarda definizione

Tutti i vantaggi di vivere in un attico o mansarda in città. Scopriamo insieme se conviene davvero!

Possedere un attico a Milano centro è il sogno di molti, ma sono pochi quelli che se lo possono realmente permettere. I motivi per cui attici e mansarde sono così ambiti sono numerosi. Tra questi, sono da menzionare la maggiore luminosità e silenziosità di questi spazi, unite alla sicurezza più elevata.

Devi sapere, inoltre, che attici e mansarde sono generalmente valutati di più (soprattutto se dotati di ascensore) rispetto a un immobile con le stesse caratteristiche collocato a un piano inferiore. Non è certamente una novità per chi si intende di valutazioni immobiliari il fatto che il valore degli appartamenti situati ai piani elevati registri un +23% rispetto al valore medio degli immobili della stessa zona. Ecco perché molti scelgono di vivere in un attico per poi magari rivenderlo quando si presenta l’esigenza di comprare una casa più grande.

Prima di acquistare una mansarda o attico, sarà necessario valutare alcuni aspetti, tra cui:

  • mansarda: definizione e requisiti di abitabilità
  • acquistare una mansarda da ristrutturare: è una buona idea?
  • quanto conviene acquistare un attico?
  • vivere in un attico: pro e contro
  • dove trovare attici e mansarde in vendita

È giunto il momento di approfondire ogni punto così da capire perché un attico o mansarda rappresentano un ottimo investimento immobiliare.

Mansarda: definizione e requisiti di abitabilità

Quando pensiamo a una mansarda, la prima cosa che ci viene in mente è la classica mansarda in legno tipica dei paesi del Nord o delle case di montagna. In realtà, esiste molta confusione su cos’è realmente una mansarda e una definizione precisa può venirci in aiuto, soprattutto per evitare di usare questo termine a sproposito, ad esempio per intendere un sottotetto.

È fondamentale saper distinguere tra una mansarda e un sottotetto, anche perché il loro valore commerciale cambia in misura consistente. Un sottotetto è uno spazio compreso tra il tetto e il solaio di apertura dell’unità immobiliare, costituito da un angolo concavo tra le due falde inclinate del tetto: vi sono pertanto zone più ampie e alte, e zone meno fruibili in cui l’altezza può scendere sotto 1,80 metri. Proprio per lo scarso spazio, il sottotetto non viene considerato una superficie abitabile, ma può essere utilizzato come deposito. In alcuni casi il sottotetto può essere trasformato in mansarda abitabile, ad esempio quando l’altezza minima dal piano del pavimento al punto più alto è superiore a 1,50 metri e la luminosità e il ricambio d’aria sono sufficienti.

Ma veniamo ora alla definizione di mansarda: a livello legale si definisce “mansarda” lo spazio sottotetto con caratteristiche tali da consentirne la permanenza prolungata di persone. La mansarda per essere abitabile deve rispettare alcuni requisiti minimi previsti dalla Leggi Regionali per il recupero dei sottotetti, che riguardano l’altezza media, l’altezza minima e il rapporto aeroilluminante del locale. Per garantire il giusto apporto aeroilluminante di questi ambienti, è necessaria la presenza di finestre nel tratto inclinato del tetto (o lucernari), oppure anche di abbaini (finestre verticali).

Una mansarda può essere un ambiente aggiuntivo di un’abitazione (ad esempio uno studio o una cameretta), oppure un vero e proprio appartamento (completo di cucina e bagno) all’interno di un condominio. Vedremo tra poco alcuni consigli su come trasformare una stanza di questo tipo in un’abitazione a sé stante.

Ecco, dunque, i requisiti minimi che una mansarda deve possedere per essere abitabile:

  • rapporto aeroilluminante: l’illuminazione e ventilazione naturali devono essere sufficienti, e vi devono essere finestre o lucernari sufficienti a garantire i corretti rapporti aeroilluminanti
  • altezze medie e minime previste dalla legge regionale
  • collegamento con acqua, luce, gas e fognature
  • opere di isolamento termico per contenere i costi energetici

Acquistare una mansarda da ristrutturare: è una buona idea?

Può essere una buona idea anche acquistare una mansarda da ristrutturare, ad esempio per trasformarla in un appartamento indipendente. Abbiamo visto che si dovranno rispettare dei requisiti minimi affinché una mansarda ottenga il certificato di agibilità, e dunque dovremo ristrutturare questo ambiente mettendo in atto alcune accortezze, in modo da essere certi di riuscire ad affittare o rivendere questo spazio come un appartamento.

Capita spesso di vedere annunci di mansarde o attici da ristrutturare, soluzione che potrebbe essere scelta da chi sta pensando a un investimento oppure semplicemente ha necessità di nuovi spazi o ancora vuole realizzare un appartamento mansardato o un nuovo piano abitabile indipendente.

Ecco dunque alcune idee da mettere in pratica per trasformare una mansarda da ristrutturare in un appartamento funzionale e confortevole.
Per prima cosa, occorrerà ottimizzare al massimo la funzionalità degli spazi, calibrando in maniera più funzionale la distribuzione planimetrica e sfruttando in maniera ottimale la luce naturale presente. Per enfatizzare la qualità della luce naturale, è importante scegliere opportunamente i materiali, le finiture e le cromie, ad esempio optando per un pavimento in rovere naturale. Scegliamo, se possibile, di separare nettamente la zona giorno dalla zona notte, pensando a una definizione precisa dei percorsi. Ricordiamo di inserire delle finestre nella zona notte per permettere l’ingresso della luce.

Possiamo quindi pensare di acquistare una mansarda da ristrutturare per trasformarla in un appartamento o, in alternativa, trasformare un sottotetto in una mansarda abitabile. Ricordiamo che gli interventi di recupero a fini abitativi di sottotetti esistenti sono soggetti alla detrazione del 50% prevista per tutti gli interventi di ristrutturazione. Per ottenere la riduzione è però necessaria la redazione di un atto notarile che definisca il sottotetto come pertinenza dell’abitazione esistente.

Quanto conviene acquistare un attico?

Ma veniamo ora al clou della questione, ovvero alla spinosa domanda: conviene acquistare un attico? La risposta è, ovviamente, “dipende”. Guardando agli annunci pubblicati sul web relativi ad attici e mansarde in diverse città italiane, non è facile farsi un’idea precisa dei prezzi di mercato, poiché il valore di questi immobili cambia notevolmente dalla città, zona e unità immobiliare in cui si trovano collocati. Se puntiamo ad esempio ad un attico a Milano, dovremo mettere in conto di spendere un 22% in più rispetto al prezzo medio. Mentre per Roma e Firenze la differenza si attesta attorno al 20%, Palermo al 13%, Torino e Bologna rispettivamente all’11 e 8%. Chi vuole spendere meno potrà scegliere un’abitazione posta ai piani alti nelle città di Napoli, Venezia e Genova: qui gli edifici con più piani sono concentrati nelle zone più popolari e, pertanto, i prezzi medi degli immobili sono più bassi della media. Se guardiamo invece alle regioni più costose, possedere un attico nel Lazio costa un 35% in più, a seguire è la Lombardia ad avere le abitazioni ai piani alti più costose (+28%).

Vivere in un attico: pro e contro

Sicuramente vivere in un attico comporta una serie di vantaggi e svantaggi: si tratta infatti di un’abitazione all’ultimo piano, posta nel sottotetto del palazzo, dovranno quindi essere valutati attentamente i pro e i contro di questa tipologia di abitazione prima di procedere all’acquisto.

Se, invece, si è deciso di acquistare un attico come investimento, per darlo in affitto o rivenderlo successivamente, sicuramente si potrà fare l’acquisto più a cuor leggero ma comunque si dovrà essere certi di trovare facilmente persone interessate ad abitarvi.

La prima cosa che dovrai valutare sono sicuramente le tue esigenze e possibilità economiche, quindi dovrai capire se per te è possibile comprare e vivere in una casa all’ultimo piano, con tutti i pro e i contro che questo comporta.

Ecco, dunque, alcuni aspetti negativi da considerare, relativi alla scelta di abitare in un attico o mansarda:

  • l’abitazione potrebbe essere esposta al vento e temperature rigide, che renderebbero l’ambiente particolarmente freddo; viceversa, nella stagione estiva potrebbe essere il caldo a determinare temperature elevate in casa
  • maggior rischio di danni o infiltrazioni d’acqua, che potrebbero comportare danni agli inquilini dei piani inferiori, i cui costi sarebbero ovviamente a tuo carico
  • più facile accesso per i ladri

È possibile ovviare a questi svantaggi con alcuni accorgimenti, ad esempio dotando l’appartamento di un impianto di climatizzazione ad aria calda e fredda e, soprattutto, eseguendo dei lavori di isolamento termico, al fine di evitare la dispersione di calore e risparmiare anche sui costi di riscaldamento. Per quanto riguarda il problema dei furti, invece, una soluzione potrebbe essere quella di inserire inferriate alle finestre oppure dotare l’appartamento di un sistema antifurto.

Comprare un attico comporta però anche molti vantaggi e comodità. Vediamone alcuni:

  • è un ambiente molto luminoso e offre una vista panoramica sulla città
  • se vi è un terrazzo, è possibile usufruirne in maniera esclusiva
  • nessuna presenza di inquilini sopra al nostro appartamento, e pertanto maggiore silenziosità
  • nelle stagioni intermedie il clima è molto gradevole, a differenza degli appartamenti situati nei piani intermedi, maggiormente soggetti a umidità e sbalzi di temperatura

Quindi, una volta valutati i pro e i contro di vivere in un attico o mansarda, non ti resta che fare un po’ i conti e lanciarti nella ricerca del tuo immobile!

Dove trovare attici e mansarde in vendita

Se stai pensando di acquistare un attico per te o come investimento, guardare i tanti annunci presenti sul web di attici in vendita potrebbe essere un’ottima idea, ma per risparmiare tempo e denaro potresti anche scegliere la soluzione delle aste immobiliari. Sotto la voce “Mansarda” del nostro portale potrai trovare diverse mansarde abitabili messe all’asta a prezzi ribassati. Oltre al prezzo di partenza contenuto, ti segnaliamo che non dovrai versare le spese di mediazione e quelle notarili, in quanto per acquistare all’asta non è richiesto l’atto di un notaio. Con le aste, quindi, acquistare un attico conviene davvero!